.
Annunci online

movida
L'odore della libertà... il profumo dell'inchiostro dalla Sardegna
Link

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 1 volte


  VOTATECI...





 





La  nostra mail:

associazione.movida@tiscali.it


 
Entra nel Laboratorio delle idee











Vi regaliamo qualche servizio utile...




 








 



L'autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi all'autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione.

CULTURA
Donna e parole - Femina e cantones
9 luglio 2008
Donne e parole

Passione e
parole,
Poesia e
melodia,
intricati sentieri
ora docili
e sinuosi,
ora complessi.
Parole
che scordano
l'Età ;
t'accompagnano
serie.

Torpè 11.06.08

Femina e cantones.

In su coro
Paraulas,
cantones e sonos,
istruncadoglios
dulches
che sentidu,
como urpiles.
Paraulas
chi immentigan
s'edade;
ti faghen cumpanzia
asseriadas.

Chessa Giovanni
Torpè 27.06.2008



permalink | inviato da movida il 9/7/2008 alle 8:55 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
CULTURA
Est die
4 febbraio 2008
Est die’jerru
S’ispera caente costoida i nues
ischit de ammentos e de prantu.
S’aèra ghetat sentidos
de lentore,
e dolimas is’anima,
resergadu ingullit
e ranchidos mossos
de pessares isperdidos,
imberghende in’intragnas
s’isperu
e bisos de lughidas aèras.
No bat logu pro s’anneu.
No est tempestu.
No bat tronu chi ischidat.
Aba .. pispisat,
e innetat cuntinu
chin deju
su pruere
dae bovetas
c’alenana
dae intro, tebiores.
Mi laccheddo.
Isetende s’iscurore,
isetto s’alvorinu
e una noa ispera.

Giovanni Chessa



permalink | inviato da movida il 4/2/2008 alle 12:33 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
CULTURA
Entuglios
6 ottobre 2007

De su tempus paret chi nonos'abarret nudda!!! Traversias e tempus malu sono "contos" chi prus de sas boltas nos lassat minores.. paret chi no cumprendhimus nudha de su chi colamus!!! E sighimus in custu mundu ch'est cuntinu su matessi.

Ruios ifforros
de iscussinu.
Luzzana,
grae i su dossu
sa proenda.
Crapitos ass’acamu.
Aes inghirinimolina
i s’area.
Entuglios
nieddos,
a sa vera.


Giuanne Chessa
02/10/2007




permalink | inviato da movida il 6/10/2007 alle 10:3 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
CULTURA
Eris o Oie?
28 settembre 2007
Pizzinnos currumpidos dae su tempus
Dischentes de mastros, , legos o sabios
Atinana chin cherveddu e corpusu
E inturtana faeddos de sos legos
Bestini in gusinu e no ischini prus
Cantu acchiddiana cussos loros
De cambasa chena peruna rima
No tessin frores, infartini aima

“oh cussos omineddos ispibiglios
su tempus costoit in su connottu
issos faghiana a ischighiglios
pennentes arrizendesi si rutu
currende suorados in petorros
gramaini chin sa mirada e s’utu
in sa gherra in cussa disaura
ratales de morte chena pastura”

Pizzinnos costuidos chin carazzas
Oie tenene sos graveglios in sa trava
Zigarru apilliadu a sas lavras
Inghiriana sos fogos de tuva
Faeddana imboligan che letrancas
Pertunta sa limba istan truva truva
Tenene aboiu in donzi festa
De cantones nde faghes cogorosta

“Femineddas a manos in laccu
inturtana pane pro sos omineddos
chi da lu frauzzana accorrados
attatendesi abrandende cascu
torran sustentos impurpurinados
a messare trigu ruju brundu calcu
ponene cantone a pizzinnu lanzu
“merda e noeddu finzas a pranzu”

Pizzinnos chin sas manos in bussaccas
Bebecana cantones de pisabios
Imborodende in arreionos
Paraulas in carrasegaradas
Chena madrighe urende sos bisos
Iffurran piras de pane abroadas
Mescran sanietes, pirizzolu e binu
Morin de gana e simula in sinu

Oltadu e pare e su tempus de oie
Leamus e faghimus a cuntempru
Cazzendenos disizzos donzi die
Trunchende a mossos finzas su ferru
Dae custu no che ogo a mie
E no mento manu in su ifferru
no ischimus da umbe sula b’entu
ne i sas trassas de fogu isentu.

Giuanne Chessa



permalink | inviato da movida il 28/9/2007 alle 23:28 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
CULTURA
Modhinas
6 settembre 2007

Non sempre quando piove.. piove per tutti. Capita, piuttosto, che i temporali ci colgano sprovvisti di protezione....e piccoli insignificanti chicchi di grandine...diventano duri macigni.  Ma ... può anche coglierci nel nostro camminare una fitta e tranquilla pioggia che ci rasserena.
Alle mie amiche di parole.


Ilmurinat,

pispisat,

modhinat.

E gai........

Est nuscu de ervatu

de terra.......

e s’ucagorra sighit su lentore,

de fuledha lassat camineras,

e a daju

rugat die

i s’andera.

23/08/2007 Giuanne Chessa

Pioviggina

Il cielo si scurisce,

sono cerchi d’acqua,

pioviggina.

E così...............

È profumo di erbe

di terra..............

Una lumaca segue l’umidità,

traccia sentieri .. di bava,

e con calma,

attraversa il giorno

nel suo ... passare.




permalink | inviato da movida il 6/9/2007 alle 16:11 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
CULTURA
Sogni
28 luglio 2007

In quella collina

vedevo me stesso

che riposavo felice,

o correvo... come un giovane vitello.

Vedevo al tramonto

i sentieri che portavano

a isole di pascolo

dove nascono erbe...

Li .. un uomo con la barba

mi legava con il braccio,

mi carezzava in silenzio,

con gli occhi

e le dita

delle nude mani.

Bevevo miscugli

di amare erbe

e così ridendo

mi buttavo nell’inghiottitoio.

Vedevo il mio corpo..

non era martoriato,

trasportato

con la lettiga di rami..

non avevo paura delle maschere

che,

chiamate da Babai,

ballando

mi giravano intorno.

Perchè mi risveglio dal sonno?

Perchè il mio dolore ritorna.....?

Non c’è fine al mio camminare!

Così è morire di stenti.

Giuanne Chessa




permalink | inviato da movida il 28/7/2007 alle 12:55 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
CULTURA
Sonnios
27 luglio 2007
Da Giuanne pro Nuvoli...

M’idia in cussu montiju

e faghia ausentu

pasende cuntentu

e curria che noadile iju

e onzi iscurigada idia

istruncadoglios c’atian

a ratales chi teniana

ervas ch’inie naschian

Mi prendhiat un’omine arvudu

su brazzu in palas ghetatu

carignain a sa muda

ogros,e podhighes de sa manuda

Ambulos agros che totoroju

ranchidos los buffaia

e gai cuntentu ria

ghetendemiche a s’ingurtogliu

Marturiu no fit su corpus meu

battidu chin bator cambas

no timmia sas carazzas

Chi Babai a su ballu a gramadu..

Pruite dae sonniu ischidadu

su dolu no est mudadu

de custandare no b’ada aveniu

est.. morrer a isteniu.

24/07/2007 Giuanne Chessa




permalink | inviato da movida il 27/7/2007 alle 9:34 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
O..felia
12 maggio 2007

I suffuria su entu

ti lede

e t'atada in menzus camineras.

Peset a chelu de bonas maneras

apede

dilighesa e apentu

rezzada

ambulos de nusco i sas carreras.

Chinghendesi sa conca e rosas eras

chirchede

su elu e saposentu

lu lede

in aeras ruias grogas meras

pintet de sa cara tua bandelas.

Frorese

coloridos de incantu

carignede

e chi sas manos de alvas aeras

lizzos  ponzat i sas tuas anderas



La forza del vento

ti porti

nelle strade che desideri

S’alzi di buon modo

abbia

delicatezza nei giochi

porti

miscugli profumati nelle strade.

Con corone di rose in testa

cerchi

il velo del tuo giaciglio

lo porti

in cieli rossi e gialli

in drappi dipinti del tuo volto.

Fiori

d’incantevoli colori

carezzi

e con le bianche ventose mani

gigli sparga al tuo passare.

10/05/2007

Giuanne Chessa




permalink | inviato da il 12/5/2007 alle 9:13 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
CULTURA
Gli antichi Giardini - Bezzas Terras froridas
30 aprile 2007

Bezzas Terras froridas

  

Nuscos de istula in s’area

In custu manzanu de aprile

De me e tottu intendo sanietes.

Aleno,

no pro aziu ,

s’area goglio intro a mie.

Abeglio tivias e coro,

e colo de noi i su liminare,

ido e azzapo,

bezzas terras froridas.

Ispantu chi creschet

idere intinos connotos,

paret a mie.. chi colet lestru

ainnantis a su pessamentu,

chin aimas de pintore,

isparghende coloridas tintas,

isprasumadas,

dulches e galanas.

Rio.

Terras coloridas,

de frores,

nuscos e arcos de chelu

istan in coro,

los potes azzapare.

 

Giuanne Chessa

 26/04/2007




permalink | inviato da il 30/4/2007 alle 9:35 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
CULTURA
Ada Rupidu
4 aprile 2007

15.01.04

 

Paraulas (Verso sciolto)

 

Ada Rupidu

 

E a pustis

Sa bellesa naschidi

Dae cussu mare

Abbollotadu

Dae sas abas

De su sinu

Dae sa trappa aberta

Cantat su graliu

Este naschidu.

Lassat sa mama

In sonniga in sonniga

In allambrios de gosu

Comos sa abas

In abollotu

Torran lisas e pranas

Torran pintadas

Sas lavras grisadas

Ca cussu pizinnu

Es de bonu accunortu.

 

Giovanni Chessa
 
 

(La terra si apre e germoglia il seme)

 

E dopo

nasce la bellezza

da un mare

in tempesta

dalle acque

del seno

dalla ferita aperta

Canta col vagito

È nato.

Lascia la Madre

Assonnata

Nel pianto di gioia

Adesso le acque

in tempesta

si calmano si spianano

Ritorna il colore

alle labbra sofferenti

Perchè questo bambino

è il frutto della speranza.




permalink | inviato da il 4/4/2007 alle 9:34 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
sfoglia
febbraio